news

Gramsci la forma della memoria – proiezione del film

Per l’ottantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci, lo scorso giovedì 11 maggio alle ore 18 presso la Sala Zavattini, Cineaamod – il Cineforum permanente dell’Archivio Audiovisivo – ha presentato il film Gramsci la forma della memoria di Paolo Isaja e Maria Pia Melandri. Sono intervenuti Aldo Tortorella e Giovanni Spagnoletti.

Il fim, realizzato nel 1997 in occasione del sessantesimo anniversario, è un vero e proprio film saggio che a distanza di trent’anni riesce ad essere uno dei lavori più completi ed esaustivi sulla figura di Gramsci.

Il film

La cinematografia di Gramsci, quella in cui possiamo trovare la sua immagine su pellicola, è limitata a una decina di secondi di un documentario muto del 1922. Esiste invece su Gramsci un discreto numero di opere audiovisive realizzate nei modi più diversi: dal documentario classico a quello politico (o di “propaganda”), dall’inchiesta televisiva al programma “educational”, dalla semplice intervista al cartone animato, fino al film di fiction e allo sceneggiato. Nel realizzare questo film, gli autori hanno scelto allora di porre mano a uno studio dei diversi materiali e dei modi di approccio audiovisivo all’argomento, utilizzando gli aspetti biografici del personaggio o la ricostruzione storica in funzione di elementi informativi atti a un confronto mediale. Ne esce quindi un film studio sulle diverse “forme della memoria” trasmesse con i mezzi audiovisivi. Film, vincitore del Premio Planete al Festival dei Popoli di Firenze (1998) ed Evento Speciale al Merano TV Festival (1999).

 

Gli autori

Insieme dal 1981, Isaja e Melandri hanno realizzato film documentari di ricerca, seguendo programmi produttivi basati su particolari modalità di realizzazione e di cura delle opere. Il loro cinema si fonda su un lavoro di recupero della memoria individuale e collettiva, che nel tempo ritorna su se stesso a ritrovare luoghi, situazioni, personaggi, eventi o immagini, per produrre nuovo cinema, altri film legati ai precedenti in un continuo di esperienze concatenate.

Per sviluppare il loro programma, Isaja e Melandri hanno costituito una entità indipendente di produzione, Cinema Ricerca, che ha sede a Ostia Antica, a circa 20 kilometri da Roma verso il mare. Qui hanno allestito uno studio di produzione, costituito da una equipe di ripresa e da un laboratorio di montaggio. Con Cinema Ricerca hanno realizzato tutti i loro lavori, dei quali essi sono autori globali, dall’ideazione alla regia, dalla produzione alla realizzazione tecnica.

Precedentemente, a partire dal 1970, per un decennio, Isaja ha realizzato, da solo o con altri, film di ricerca, poi confluiti nei programmi di Cinema Ricerca.

Elementi caratterizzanti della loro produzione sono: presenza costante di fasi di ricerca e di rapporti interpersonali non occasionali fra autori e soggetti della realtà; presenza/assenza di piani produttivi tradizionali (i singoli film fanno parte di programmi produttivi generali a lunga scadenza, ma non prevedono piani di lavorazione specifici e possono essere terminati anche dopo anni…);iniziale assenza di distribuzione delle opere (che sarà attuata soltanto a programmi produttivi avanzati o conclusi), per poter sviluppare senza condizionamenti esterni il proprio lavoro e la relativa metodologia realizzativa. Fino ad oggi quasi tutti i film diretti da Isaja e Melandri sono rimasti inediti, fatta eccezione per la partecipazione ad alcuni festival, a eventi e presentazioni speciali quasi sempre alla loro presenza.

Visto lo sviluppo avuto in questi ultimi anni dai programmi di produzione, Isaja e Melandri dal 2009 hanno promosso l’edizione e distribuzione in Dvd delle loro opere.

Scarica la locandina (pdf)

Share